Biografia

imgbio

Claudio Pacifico, nato a Roma nel 1947, dopo una laurea in Giurisprudenza conseguita ‘con lode’ all’Universita’ La Sapienza di Roma, si e’ specializzato in discipline internazionali studiando alla Johns Hopkins University di Bologna e al Winston Churchill College di Cambridge.

Nel 1974 e’ entrato nella carriera diplomatica dove ha servito per 38 anni sino al suo collocamento a riposo il 1 Gennaio 2013.

Nella sua lunga carriera l’Ambasciatore Pacifico ha svolto il suo servizio in una serie di sedi di particolare rilevanza per gli interessi del nostro Paese (a cominciare dall’Ambasciata d’Italia a Washington)  ed anche di “prima linea”, talvolta particolarmente dure e pericolose o, in alcuni casi, veri e propri teatri di guerra, come: l’Iran della Rivoluzione Iraniana; la Somalia della guerra tribale e civile; il Sudan, allora rifugio di Osama Bin Laden e obiettivo dei bombardamenti americani; la Libia di Gheddafi, o anche il Bangladesh dei cicloni e delle peggiori pandemie ; ed infine l’Egitto della “Rivoluzione di Piazza Tahrir “, epicentro e simbolo delle cosidette “ Primavere Arabe “ , dove è rimasto , fortemente impegnato nella tutela dei nostri connazionali e degli importanti interessi delle socità italiane sino alla fine della sua carriera , il 1 Gennaio 2013.

Anche come riconoscimento per il merito del servizio prestato, nel 1991 e’ stato nominato per la prima volta Ambasciatore, all’epoca il piu’ giovane Ambasciatore sull’intera rete diplomatica italiana nella nostra Ambasciata a Dhaka in Bangladesh.

Successivamente, in una serie di incarichi sempre piu’ importanti e’ stato Ambasciatore in Sudan (dal 25 novembre 1997 al 22 settembre 2000); in Libia (dal 23 settembre 2000 al 25 novembre 2004); Direttore Generale alla Farnesina (dal 26 novembre 2004 al 31 agosto 2007); Ambasciatore in Egitto (dal 1˚ settembre  2007); Rappresentante alla Lega Araba (e’ stato il primo Rappresentante formalmente accreditato dell’Italia e di tutti i Paesi UE (dal 1˚ settembre 2007).

Nel gennaio del 2008 e’ stato nominato al grado apicale della carriera diplomatica di Ambasciatore di grado, sempre a riconoscimento dell’eccezionalita’ del servizio prestato.

In linea piu’ generale il Curriculum dell’Ambasciatore Pacifico presenta aspetti di chiara eminenza ed importanza: e’ stato uno dei pochi funzionari della carriera carriera diplomatica ad aver svolto ben cinque volte le funzioni di Capo Missione con credenziali di Ambasciatore.

E’ al momento il funzionario diplomatico italiano con il piu’ lungo ed importante curriculum di servizio nel mondo arabo, dove e’ molto conosciuto e ha potuto sviluppare rapporti diretti con dirigenti arabi di spicco a cominciare dall’attuale Presidente della Repubblica Araba d’Egitto Abdel Fatah Al Sisi e dal Segretario Generale della Lega Araba Nabil El Araby..

Sempre per l’importanza e l’eccellenza del suo servizio ha ottenuto ininterrottamente l’attribuzione del massimo del punteggio e il giudizio di “Eccezionale”, numerosi formali “Encomi Solenni”; la menzione nelle Motivazioni per la concessione delle due Medaglie d’Oro e quattro d’Argento concesse dal nucleo dei Carabinieri nelle operazioni di salvataggio in Somalia, guidati personalmente dall’allora Ambasciatore Pacifico.

Gli sono state concesse tutta una serie di importanti onorificenze arabe: dall’Ordine dei Due Nili di 1 cl^, all’Ordine del Gran Fatah di 1 cl^; per quanto concerne le onorificenze italiane e’ stato nominato Cavaliere Ufficiale, Commendatore, Grande Ufficiale, e infine, anche come riconoscimento sia alla sua particolare carriera sia all’impegno nella Rivoluzione egiziana , Il Presidente della Repubblica ha voluto conferirgli nel 2012, poco prima della conclusione della sua prestigiosa carriera, l’Onorificenza di  Cavaliere di Gran Croce (la più alta onoreficenza italiana, che il Presidente ha voluto consegnargli personalmente in un’apposita udienza al Quirinale ).

Subito dopo il suo collocamento a riposo , il Ministro degli Esteri , con formale comunicazione in data 25 Gen. 2013 , ha voluto coferirgli – “ in ragione dell’altissimo profilo degli incarichi ricoperti e delle eminenti competenze professionali “ – l’incarico di suo Consigliere con le funzioni di INVIATO SPECIALE per il MEDITERRANEO e il MEDIO ORIENTE.

Biografia completa

1971 Studi: Università “La Sapienza” di Roma: Laurea in Giurisprudenza con 110 e lode; tesi sul “Federalismo nel pensiero anarchico” (relatore: prof. Sergio Cotta).

1971-1972 Specializzazioni: Johns Hopkins University, Bologna (Relazioni e politica internazionali); Winston Churchill College, Cambridge (Economia internazionale).

1974 Entra nella carriera diplomatica alla Direzione Generale Cooperazione Culturale, Scientifica e Tecnica, Ministero degli Affari Esteri, Roma.

1976-1979 Console a Theran, Iran.

1979-1983 Primo Segretario presso l’Ambasciata d’Italia a Washington, Stati Uniti.

1983-1984 Rientra a Roma. Capo Ufficio Asia del Dipartimento per la Cooperazione allo Sviluppo, Ministero Affari Esteri.

1984-1987 Capo della Segreteria del Sottosegretario di Stato Bruno Corti (con delega per l’Asia e il Medio Oriente), Ministero degli Affari Esteri.

1987-1991 Primo Consigliere e Vice-Ambasciatore all’Ambasciata d’Italia a Mogadiscio, Somalia.

1991-1995 Ambasciatore d’Italia a Dhaka, Bangladesh.

1995-1997 Rientra a Roma. Capo Ufficio Mediterraneo e Medio Oriente alla Direzione Generale Affari Politici, Ministero degli Affari Esteri.

1997-2000 Ambasciatore d’Italia a Khartoum, Sudan.

2000-2004 Ambasciatore d’Italia a Tripoli, Libia.

2004-2007 Rientra a Roma. Direttore Generale per I Paesi dell’Asia, dell’Oceania, del Pacifico e Antartide, Ministero degli Affari Esteri.

2007 Ambasciatore d’Italia a Il Cairo, Egitto, e Rappresentante Italiano presso la Lega Araba.

2008 Nominato, al grado apicale della carriera diplomatica, “Ambasciatore d’Italia”.

2012 Dicembre  Gli viene concessa dal Presidente della Repubblica la più alta onorificenza italiana di Cavaliere di Gran Croce in riconoscimento degli “eccezionali servigi resi” e con particolare riferimento anche alla Rivoluzione Egiziana.

2013, 1  Gennaio Conclude la carriera diplomatica

2013 25 Gennaio Nominato dal Ministro degli Esteri Inviato Speciale per il Mediterraneo e il Medio Oriente.

Onorificenze

  • Cavaliere di Gran Croce
  • Grande Ufficiale della Rebubblica d’Italia
  • Commendatore
  • Cavaliere
  • Ordine di Prima Classe dei “Due Nili”
  • Menzione d’Onore nelle due Medaglie d’oro e quattro d’argento concesse ai Carabinieri e personale dell’Ambasciata nell’azione di salvataggio delle popolazioni civili durante la crisi somala (1990-1991)